Video

Loading...

mercoledì 10 febbraio 2010

Tutta la verità sulla DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO!!!

Ebbene si...rieccomi qui a parlare della donazione del midollo osseo, e lo faccio perchè sono profondamente convinta si tratti di un gesto davvero importante che tutti dovrebbero aspirare a compiere.
Purtroppo non è così, molti guardano alla donazione con un terrore infondato, e per questo ho pensato di esporvi come realmente avviene la donazione e quali sono i suoi rischi. E' compito vostro poi decidere se vale la pena superare le nostre paure per provare a SALVARE UNA VITA!!!



La donazione è anonima, volontaria e ovviamente non retribuita...è un puro atto di generosità ed è quindi necessario che chiunque abbia anche il solo dubbio di poter creare danno al ricevente si astenga dalla donazione: con la donazione è infatti possibile trasmettere al ricevente malattie infettive, quali l'AIDS e l'epatite. Per valutare ed escludere questo rischio l'aspirante donatore viene sottoposto ad un colloquio medico, vincolato, ovviamente, da segreto professionale, grazie al quale verranno indagate le abitudini di vita; alcune di queste, infatti, espongono maggiormente al rischio di contrarre queste infezioni e poichè i test di laboratorio possono risultare negativi in soggetti infettatisi recentemente, si rende necessario escludere dalla donazione le persone che hanno abitudini di vita che le espongono a tale rischio.

LA DONAZIONE NON COMPORTA ALCUN RISCHIO PER IL DONATORE DI CONTRARRE QUESTE INFEZIONI; il rischio è solo per chi riceverà il trapianto ed è quindi necessario autoescludersi dalla donazione se si hanno comportamenti a rischio infettivo.

Ma in cosa consiste la donazione di midollo osseo?
Esistono due diverse modalità di donazione ed è quindi più corretto parlare di donazione DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE, ovvero di quelle cellule che si trovano nel midollo osseo e che sono in grado di replicarsi ad una velocità elevatissima producendo circa 200-400 miliardi di cellule al giorno; il numero di queste cellule rimane invariato perchè, oltre a produrre le cellule del sangue, si riproducono.
Queste cellule possono esser raccolte in due modi diversi: direttamente dal midollo o dal sangue periferico.

Fino a 20 anni fa i trapianti di cellule staminali emopoietiche venivano eseguiti solo tra fratelli che avevano lo stesso HLA , ovvero lo stesso gruppo di geni che controlla il “riconoscimento” dei vari tessuti dell'organismo; questa terapia è ideale per il trattamento di patologie ematologiche maligne, tuttavia il 70% dei malati non aveva in famiglia nessun parente compatibile: ciò spinse gli ematologi a cercare possibili donatori al di fuori dell'ambito familiare.
Nacquero così in tutto il mondo i Registri Nazionali di potenziali donatori di midollo osseo che ad oggi costituiscono una rete che mette a disposizione di ogni singolo paziente tutti i donatori iscritti al mondo alla ricerca di quello compatibile: la possibilità di trovare un donatore compatibile oscilla da 1 su 1000 a 1 su 100.000.
Questo accade perchè ognuno di noi possiede dei geni, ereditati dai genitori, che caratterizzano ogni singola persona; alcuni di questi geni (detti HLA) controllano l'espressione di particolari strutture sulla superficie delle cellule che sono peculiari di ogni individuo, questo permette al sistema immunitario di riconoscere le cellule proprie dell'organismo e di attaccare solo quelle estranee.
E' quindi necessario trovare due individui che abbiano gli stessi geni HLA.

Per iscriversi al registro nazionale dei donatori di midollo osseo è necessario essere maggiorenni ed avere meno di 36 anni, inoltre non di deve essere affetti da patologie croniche.
Se il candidato donatore soddisfa tutti i criteri si passa alla tipizzazione (caratterizzazione) dell'HLA tramite un normale prelievo venoso che viene poi inviato in laboratori specializzati. Le caratteristiche genetiche del donatore vengono quindi registrate e nel caso risulti compatibile con un paziente in lista per il trapianto verrà ricontattato per eseguire ulteriori prelievi di sangue, per confermare la compatibilità: nel caso in cui non ci fosse una compatibilità adeguata non si procede ma i dati del donatore rimangono comunque nel registro.
In ogni momento il donatore ha il diritto di ritirare il suo consenso a rimanere iscritto tra i donatori di midollo osseo, altrimenti permarrà nell'elenco fino ai 55 anni

Come già detto prima il prelievo può avvenire con due modalità diverse:

-PRELIEVO DI CELLULE STAMINALI MIDOLLARI: vengono prelevate direttamente dal midollo osseo mediante ripetute punture a livello delle ossa del bacino (per l'esattezza a livello delle creste iliache): poiché si tratta di punture dolorose il prelievo viene fatto in anestesia generale.
Il prelievo dura circa 30-45 minuti e non comporta alcun danno al donatore, la quantità di sangue midollare prelevata è di circa un litro.
Esistono comunque dei rischi minimi, legati alla procedura stessa:
1.rischio anestesiologico: dipende dall'anestetico usato che può scatenare, ad esempio, reazioni allergiche; per evitare ciò di regola vengono fatti dei test per stabilire quale sia l'anestetico migliore per il donatore
2.rischio infettivologico: il sito di prelievo è suscettibile di infezione, ovviamente ci si riferisce a quelle che sono le normali infezioni che possono esser contratte da chiunque, in quanto NON ESISTE ALCUN RISCHIO DI CONTRARRE AIDS O EPATITE!!!
3.rischio di lesioni: durante il prelievo è possibile vengano causati danni ai tessuti circostanti (con conseguente dolore alla schiena).
Centinaia di migliaia sono stati i prelievi di sangue midollare effettuati nel mondo e si è visto che il rischio totale che si verifichi una delle condizioni sopra elencate è dello 0,16%
Dopo la donazione, il donatore viene trattenuto all'ospedale per circa 2 giorni e al risveglio avvertirà un leggero dolore nella zona del prelievo che scomparirà entro 3 giorni; inoltre il midollo si ricostituisce in una settimana circa.

-PRELIEVO DI CELLULE STAMINALI DA SANGUE PERIFERICO: per permettere il passaggio nel sangue di una quantità sufficiente di cellule staminali vengono somministrati al donatore diverse dosi di un fattore di crescita, chiamato G-CSF (fattore stimolante la crescita cellulare) che rende più veloce la crescita delle cellule.
Il G-CSF viene normalmente prodotto dall'organismo ma a dosi minori rispetto a quelle usate per la donazione; il suo effetto stimolatorio sul midollo può provocare piccoli effetti collaterali, quali: febbre, cefalea, lievi dolori ossei. Questi sintomi regrediscono immediatamente dopo la sospensione del trattamento.
Sono stati condotti numerosi studi sulla possibilità che questo trattamento con fattori di crescita possa provocare l'insorgere di una leucemia e si è messo in evidenza che L'USO DEL G-CSF NON PROVOCA UN AUMENTO DEL RISCHIO DI SVILUPPO DI MALATTIE EMATOLOGICHE NEL SOGGETTO SANO.
La somministrazione del farmaco viene effettuata per 4-5 giorni e dopo si procede alla raccolta delle cellule: in questo caso non viene usata alcuna anestesia essendo praticamente una “normale donazione di sangue”.
Per la raccolta viene usato un macchinario che preleva il sangue da un braccio, isola le cellule che servono per la donazione raccogliendole in una sacca apposita, e reinfonde nel donatore il resto del sangue.
La procedura dura circa 3-4 ore.
Anche questa procedura presenta dei rischi:
1.ipersensibilità al farmaco: ovvero reazioni allergiche, in questo caso la somministrazione del G-CSF viene sospesa
2.rischio correlato alla mobilizzazione ed alla raccolta delle cellule staminali: durante il prelievo vengono usate alte dosi di anticoagulante, ciò può provocare formicolii alle dita, al naso e raramente contrazioni muscolari; questi sintomi vengono immediatamente eliminati somministrando preparati che contengono calcio per endovena
3.rischio infettivologico (esattamente come per la donazione da sangue midollare)
4.rischio di lesioni: sono stati riportati casi praticamente isolati di aumento di volume della milza, ciò richiede, ovviamente un trattamento aggiuntivo
In generale il rischio che si verifichi uno degli eventi sopra descritti è dello 0,18%

Vi chiedo quindi:
Una nostra così effimera sofferenza non vale forse la vita di un uomo? Non vale forse la pena di sottoporsi a procedure che possono far tanta paura ma che sono fondamentalmente innocue per provare a salvare una vita?

Io la mia risposta a questa domanda l'ho già data e sono diventata donatrice di midollo osseo... e tu?

Se qualcuno volesse sicriversi può contattare una delle sedi ADMO più vicine: è possibile trovare il numero di telefono e l'indirizzo delle sedi di tutta Italia al sito ufficiale http:\\www.admo.it

27 commenti:

  1. Grazie delle informazioni, sei sempre molto attenta a tutto, complimenti
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. ciaooooooooooooooooooooo.....buona giornata....kisssssssssssss

    RispondiElimina
  3. grazie per le informazioni, ottim post.
    Buona serata

    RispondiElimina
  4. grazie a voi per aver letto.... un bacioo

    RispondiElimina
  5. Questo post l'ho trovato particolarmente interessante,complimenti per il lavoro che stai facendo, a prestissimo...

    RispondiElimina
  6. ciao..vorrei poter far leggere queste cose a migliaia di persone e cercare di sensibilizzare la donazione di midollo stamattina siamo stai io e mio marito in ospedale e ci hanno detto che purtroppo per la nostra piccola f. di soli 8 mesi affetta da leucemia linfoblastica acuta infant non c'è midollo compatibile.......non posso aggiungere altro

    RispondiElimina
  7. purtroppo non posso darti un nome ma sappi che ti sono vicina, anche se non posso nemmeno immaginare il vostro dolore vorrei tu sapessi che mi dispiace infinitamente...anzi, dire mi dispiace è riduttivo, è un dolore profondo anche se non di certo comparabile al vostro...
    io sono nel registro dei donatori,ed è evidente che purtroppo non sono compatibile; mi spiace non potervi essere d'aiuto, non sai quanto vorrei poter far qualcosa...se potessi sarei pronta ad aiutarvi mille volte e mille altre ancora, ma purtroppo non mi è concesso...
    ma tu sii forte, lotta con tua figlia e non perdere mai la speranza...io, purtroppo, non posso far altro che pregare e ti prometto pregherò affinchè la tua piccola possa guarire.
    Vorrei tanto la gente capisse quanto è importante diventare donatori di vita, ma in pochi sono disposti a farlo...ignorando che quando si viene chiamati a diventare donatori effettivi la fortuna non è solo di chi riceverà il midollo, ma anche di chi lo dona...
    Un abbraccio forte forte...
    bacia la piccola per me

    RispondiElimina
  8. Toccante ed esaustivo. Un post davvero valido. Sono certo che chi lo leggerà non resterà insensbile al richiamo che tu hai lanciato per aiutare il prossimo.

    Ciao
    Daniele

    RispondiElimina
  9. Grazie di avrlo postato, sei sempre attenta alle altre persone, grazie davvero!

    RispondiElimina
  10. bel post.. ci fa riflettere.. e poi salvare una vita non ha prezzo..

    buona giornata ;)

    RispondiElimina
  11. Gran bel post . Ottime info.

    RispondiElimina
  12. ringrazio io tutti voi per la vostra genitlezza :D

    RispondiElimina
  13. ciao io sono dall'altra parte sono una ricevente il 28 maggio sara' un anno dal trapianto adesso so di avere un angelo e' una ragazza americana quello che si prova x la propria donatrice vi assicuro e' inspiegabile,nn sono da sola ma siamo in due a lottare e x ora ci sono grazie a lei .Grazie anche a te e a tutti i donatori VI RINGRAZIAMO VERAMENTE DI CUORE.Il post e' perfetto.Un grandissimo abbraccio alla piccola f e ai suoi genitori

    RispondiElimina
  14. Ciao :) mi chiamo Jessica e ho 19 anni, mi affascina molto la medicina proprio per questo giorno 2 farò i preesami per entrare in questa facoltà! ce la sto mettendo tutta, ma come molti sanno, non è facile entrare! il mio sogno è aiutare e stare vicino ai bambini malati di tumore! dal momento che questi argomenti mi interessano, per caso mi sono imbattuta in questa pagina e sono rimasta veramente meravigliata dalle info e dal tuo gesto! mi piacerebbe molto diventare donatrice, ma molti me lo sconsigliano, sopratutto in famiglia! il motivo è che abbiamo avuto un caso in famiglia (mio cugino) che ha donato il midollo osseo al fratello, il fratello ora ringraziando a Dio sta benissimo, ma lui ha trascorso un brutto periodo, è stato molto male, non so esattamente quali consegueze, anche perchè loro stanno in Belgio e io personalmente non li sento sempre! comunque continuerò ad informarmi anche perchè sono molto ostinata e decisa in quello che faccio! :) due mesi fa ho provato a dare il sangue ma non me lo hanno permesso per il fatto che ho delle allergie, quindi vediamo se riesco in questo!!! al momento mi dedico allo studio, sperando che anche io, un giorno darò un contributo nella vita di tanta gente! un abbraccio JESSICA.

    RispondiElimina
  15. ciao a tutti!!!
    grazie a chi ha creato questo blog, a chi lo legge e a chi commenta!
    io sono uno dei due ragazzi del video. ho donato 3 anni fa e so che il ragazzo a cui ho donato, allora 14enne, ora sta bene. io non posso più donare perchè dopo la prima donazione si viene cancellati dal registro, per questo mi sono dedicato alla comunicazione cercando di far conoscere la donazione di midollo a più persone possibile.
    volevo stringermi in un abbraccio fortissimo con tutte quelle persone, soprattutto bambini, che attendono un trapianto, ed alle loro famiglie. vi posso dire solo di avere speranza fino alla fine, e ve lo dico perchè c'è sempre una speranza anche quando sembra che il mondo ci crolli addosso.

    il ragazzo a cui ho donato era in una fase molto critica. non si trovavano donatori compatibili. poi ad un tratto hanno trovato me ed un'altra persona. l'altro era più compatibile di me e quindi ha fatto lui la prima donazione. immaginatevi lo sconforto del ragazzo e della famiglia quando hanno scoperto che la prima donazione non è andata a buon fine. ma quando tutto sembrava finito sono stato chiamato io e, posso dire con un certo orgoglio che l'operazione è andata bene ed il ragazzo, che potrebbe essere mio figlio, ora sta bene. non lo conosco personalmente perchè è vientato dal registro, ma mi ha scritto una lettera tramite gli ospedali. il bambino si chiama Lino.

    vi chiedo infine di accendere una ideale candela ad una bambina Irene di 4 anni che nel 2002 non ce l'ha fatta. io mi sono iscritto ad admo per cercare di salvarla, ma non è stato possibile. ci siamo iscritti in parecchi del nostro quartiere ed in 3 abbiamo già donato, salvando altrettante vite. il sacrificio di una sola piccola bambina sta aiutando tante altre persone a vivere.

    accendiamo quindi una ideale candela a tutti quei piccoli bambini che ci aiutano a trovare il coraggio per salvare altre persone, donando infondo una piccola parte di nnoi stessi, che in poco tempo si rifà completamente.

    Yuri

    RispondiElimina
  16. Qua ci sono delle persone stupende, ho 35 anni mi chiamo Francesca ho ricevuto oggi la lettere dove risulto compatibile per il primo prelievo che ho fatto 10 anni fa al Galliera di Genova e mi e'venuta tanta paura voglio andare avantii ma l anestesia mi terrorizza e se non mi sveglio piu'..e non rivedo più i miei figli. Quanto coraggio e ammirazione leggendo le vostre lettere spero di trovare la forza e fare ciò che mi dice il cuore ma non e'facile....un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  17. Venti giorni fa ero in ospedale pronto a ricevere la donazione del midollo per risolvere la mia malattia, purtroppo il donatore all' ultimo momento non se l'é sentita. Ora aspetto fiducioso al prossimo spero sia più coraggiso grazie a tutti.

    RispondiElimina
  18. Sono stato chiamato e lunedì vado per ulteriori analisi...la paura c'è. ... ma c'è un francese che ha bisogno di me, e poi come ho detto a mio figlio se non mi sveglio è comunque una buona morte... lui mi ha risposto è un affare, andrai in paradiso e moi saremo fieri di te. ...io mi "gratto" e vado! A Maronn ci'accumpagn.

    RispondiElimina
  19. Ciao sono Marina e Ho 20 anni. Dono ogni sei mesi il sangue e domenica andrò a fare degli esami per verificare se posso donare il midollo, un po di paura c'è però la mia paura in confronto alla vita di altre persone non è nulla! Spero di poter donare!! Una sola domanda io sapevo fosse anonima però qui leggo che chi ha donato è in contatto con il ricevente.. Potete chiarirmi questo concetto? Grazie!

    RispondiElimina
  20. vorrei donare anch'io, ho paura ho due figli e un marito che hanno bisogno di me, ma vorrei tanto essere utile al prossimo, che passi devo fare? a chi mi rivolgo?

    RispondiElimina
  21. io ho fatto la donazione di midollo osseo 5 anni fa,sono sposata ho due figli,sto bene ,solo all'inizio ho avuto un po di tensione ma penso che e' normale, ho incontrato nel Centro Trapianti dell'ospedale di Reggio Calabria delle persone(dottori e infermieri )veramente speciali,per farla breve, lo rifarei di nuovo,

    RispondiElimina
  22. Mi è arrivata oggi la prima telefonata! Lo ammetto me la sto facendo un po sotto! Non sapevo della possibilità di donazione di sangue ecco quella mi spaventerebbe molto meno! Comunque sarà speriamo bene ��

    RispondiElimina
  23. Complimenti per il post

    RispondiElimina
  24. ciao sono isabella , ho donato il midollo tramite sangue periferico a mia sorella e GRAZIE A DIO è andato a buon fine ha attaccato e tutto ok. però essendo Mamma di due bellissimi bimbi mi hanno detto che Donando linfociti,granulociti e midollo. non potrei avere gravidanze per un bel periodo. vorrei sapere se dovesse capitare nella gravidanza ,cosa potrebbe succedere a mio figlio o me?

    RispondiElimina
  25. Ciao sono Giulia ho 31 anni..pochi mesi fa ho donato a mia mamma il midollo sia da creste iliache che da sangue periferico..personalmente ho avuto leggeri fastidi, ma niente che non si possa sopportare..sapere che puoi salvare ma che puoi anche uccidere una persona è un peso enorme..ma sono fiera della mia scelta, perché comunque vada ne è valsa la pena..tutta la mia stima e il mio affetto va a chi si è iscritto volontariamente al registro donatori..siete persone magnifiche..non abbiate paura e continuate ad esserlo!!un abbraccio a chi sta soffrendo❤️

    RispondiElimina
  26. Mi ha chiamato sta mane l ospedale perche compatibile con una persona sno un po impaurito ma voglio compiere il passo ho letto tutto quello che avete scritto mi e stato molto utile grz

    RispondiElimina
  27. Mi ha chiamato sta mane l ospedale perche compatibile con una persona sno un po impaurito ma voglio compiere il passo ho letto tutto quello che avete scritto mi e stato molto utile grz

    RispondiElimina