Video

Loading...

mercoledì 27 gennaio 2010

Il giorno della memoria..per non dimenticare...MAI!!!

Oggi è una giorno importante...davvero importante. Oggi è il giorno per ricordare; per ricordare che 65 anni fa 6 milioni di ebrei sono stati martirizzati nei campi di concentramento nazisti.
Uomini, donne, bambini, anziani...perseguitati, torturati, affamati e brutalmente uccisi, senza pietà alcuna.
Oggi, purtroppo, c'è ancora chi nega la Shoah, c'è ancora chi nega che un crimine tale sia mai stato commesso...Primo Levi scriveva: "chi nega la Shoah sarebbe pronto a rifarla ancora!"

Il mio blog parla di bambini...ed è sempre a loro che è dedicato questo post: è per tutti quei bambini strappati alle loro case, ai loro giochi, ai loro cari; è per tutti quei bambini strappati alla vita; è per tutti i bambini che sono sopravvissuti e che oggi sono uomini per sempre segnati da un dolore che noi non potremo mai capire.

Una mattina di novembre del 1944 nella baracca numero 11 di Auschwitz, la “baracca dei bambini”, il dottor Mengele si presenta e dice: «Chi vuole rivedere la propria mamma faccia un passo in avanti». Così vengono selezionati i 20 bambini di Bullenhuser Damm. La scuola in cui sono stati impiccati dopo un calvario abominevole: usati come cavie, infettati, operati e straziati. Bambini rimasti vittime non di una guerra, di povertà, di fame, di freddo, di disperazione, di ignoranza, di crudeltà, di viltà, di avidità, di indifferenza, sebbene una sola di queste piaghe sarebbe stata sufficiente per ricordarli: sono stati vittime di tutto questo per la sola ragione di essere nati. Nati ebrei.



Di seguito vi riporto ciò che accadde postandovi un articolo trovato sul sito www.olokaustos.org

"I venti bambini rinchiusi nel Block 11 di Auschwitz vennero sottoposti ad esami medici da un altro e forse più famoso assassino: il dottor Josef Mengele.
Una volta stabilita la loro idoneità venne stabilito il loro trasferimento a Neuengamme presso il "dipartimento Heissmeyer".
Il comandante del campo verso la metà del dicembre 1944 convocò la dottoressa Paulina Trocki, una internata che lavorava presso l'ospedale del campo, e la informò che avrebbe dovuto accompagnare un trasporto speciale di venti bambini diretto a Neuengamme e precisò che si trattava di bambini privi di genitori.
Il 13 dicembre 1944 il treno uscì da Auschwitz, così Paulina Trocki anni dopo ricordò il viaggio:
"Il trasporto era scortato da una SS per la quale venne aggiunto un apposito vagone. A bordo c'ero io, tre infermiere e i venti bambini. Erano 10 bambini e 10 bambine tra i 6 e i 12 anni d'età, tutti ebrei ma di diversi Paesi, 2 erano di Parigi.
Durante il viaggio ci fecero indossare i distintivi da ebrei [la stella gialla NDT] affinché la popolazione non fraternizzasse con noi. Per evitare che qualcuno ci avvicinasse durante le soste sparsero la voce che si trattava di un convoglio di malati di tifo.
Nel trasporto c'era un bambino di 12 anni, il figlio del dottor Kohn che ricordo era il direttore dell'ospedale "Rotschild" di Parigi.
Quando arrivammo a Berlino e il ragazzo la vide dal treno disse: «Se conoscessi un qualsiasi indirizzo fuggirei di qui». Durante il viaggio il vitto era buono: c'era cioccolata e latte.
Dopo due giorni, alle 22 arrivammo nel lager di Neuengamme (...) Parlai con uno studente di medicina belga che era internato lì che mi disse che nel lager non c'erano bambini e che temeva li volessero usare per degli esperimenti. Lo studente lavorava nella farmacia del campo. Non vidi più i bambini".
Quando la dottoressa Trocki ripartì per Auschwitz i bambini vennero affidati alle cure dei due prigionieri olandesi Anton Holzel e Dirk Deutekom che in breve divennero i "papà" del gruppo di cavie umane. A Neuengamme per collaborare con Heissmeyer erano stati fatti arrivare anche i due medici francesi: Florence e Quenouille.
Per un qualche tempo i bambini vissero un periodo di relativa tranquillità. Il 24 dicembre 1944 Jupp Handler, un prigioniero austriaco si travestì da Babbo Natale e, sfidando i divieti delle SS, distribuì doni ai bambini. Il piccolo Marek James ricevette un paio d'occhiali, era miope e le SS al suo arrivo ad Auschwitz glieli avevano tolti.

Il 9 gennaio 1945 Heissmeyer iniziò gli esperimenti con i bambini. Il professor Quenouille aveva compreso che cosa aveva intenzione di fare e pochi giorni prima aveva cercato di sterilizzare parte delle colture di batteri che sarebbero stati utilizzati per infettare i bambini.
L'inoculazione della tubercolosi fu abbastanza rapida: Heissmeyer asportava parte della pelle dei bambini sotto l'ascella destra e praticava una incisione a croce, inoculava i batteri e applicava un cerotto. Si trattava di aspettare che la malattia cominciasse il suo orribile lavoro.
Il 19 febbraio 1945 tutti i bambini sono apatici, febbricitanti, presentano ulcere e accusano forti pruriti. Heissmeyer procede con una ulteriore inoculazione della malattia, questa volta ancora più robusta.
Heissmeyer tentava di stimolare una risposta immunitaria. Prima faceva ammalare i bambini e poi somministrava "tubercolina" nella convinzione che si sarebbe verificata una reazione del sistema immunitario. Per verificare la portata della risposta immunitaria Heissmeyer pensò di asportare i linfonodi della regione ascellare: se la teoria era giusta i linfonodi avrebbero dovuto produrre degli anticorpi.
Il 3 marzo 1945 alle 19.00 i bambini vennero condotti in sala operatoria. I bambini vennero fatto spogliare e fatti sdraiare su di un tavolo operatorio su un fianco. Ad operare è un medico cecoslovacco prigioniero, il dottor Bogumil Doclik. Per l'anestesia vennero usate iniezioni di novocaina. Doclik fece delle incisioni di cinque centimetri e asportò la ghiandola linfatica all'altezza della ascella. L'intera operazione dura un quarto d'ora circa, quella sera furono 9 i bambini operati. La sera successiva si completò l'opera.
Le ghiandole linfatiche venivano messe in bottigliette piene di formalina, etichettate con il nome dei bambini e consegnate a Heissmeyer. Dopo una settimana i bambini vennero nuovamente portati in sala operatoria e i tamponi furono rimossi. Dopo un'altra settimana vennero asportate tutte le ghiandole ascellari.
Heissmeyer partì per la clinica di Hohenlychen e consegnò le ghiandole al suo collega Hans Klein per l'esame.
Il 12 marzo 1945 Klein diede il suo responso: nelle ghiandole linfatiche dei bambini non era stato riscontrato alcun anticorpo contro la tubercolosi. L'esperimento di Heissmeyer era fallito: i bambini ora non servivano più.

L'ordine di eliminazione venne richiesto da Kurt Heissmeyer e venne impartito da Berlino dal comandante dell'amministrazione centrale dei campi Oswald Pohl. Sarebbe stato certamente meno complicato compiere il massacro al campo di Neuengamme ma quella sera vi erano troppi estranei della Croce Rossa Svedese che controllavano l'evacuazione dei prigionieri danesi e norvegesi.
Il gruppo incaricato della eliminazione era principalmente composto dal dottor Alfred Trzebinski, dai sottufficiali delle SS Johann Frahm, Ewald Jauch e Wilhelm Dreimann. Comandante del gruppo era Arnold Strippel. Altrettanto coinvolto nella operazione fu l'autista del camion Hans Friedrich Petersen.

Alcuni bambini morirono immediatamente a seguito delle iniezioni di morfina e, per essere certi della loro morte, le SS li impiccarono appendendoli ai ganci fissati alle pareti. Come testimoniò Johann Frahm i bambini furono impiccati "come quadri alle pareti".
L'intera operazione andò avanti dalla mezzanotte del 20 aprile alle 5 del mattino del 21 aprile 1945.
Durante l'impiccagione dei bambini e degli adulti era arrivato da Neuengamme un secondo camion con 24 russi. Quando vennero fatti scendere sei riuscirono a fuggire, gli altri diciotto vennero condotti nella scuola e impiccati a loro volta.

All'alba del 21 aprile 1945 nella scuola c'erano quarantotto cadaveri: quelli dei venti bambini, i due medici, i due infermieri olandesi e i ventiquattro russi. Le SS ricevettero venti sigarette ed un litro di liquore a testa come premio per il lavoro. Successivamente i cadaveri vennero ricaricati sui camion e riportati a Neuengamme dove vennero cremati e le ceneri disperse nei campi circostanti."

MAI PIU'!!!

11 commenti:

  1. apprendo sempre più cose e l'orrore per esse non so più neanche dirlo
    GM C

    RispondiElimina
  2. mai più...un orrore così..mai più

    RispondiElimina
  3. Rimarra un triste ricordo per noi contemporanei, ma il tempo cancellerà sempre ogni cosa.. e saremo noi a scrivere per riportarlo alla memoria, cio che deve mai piu accadere.

    RispondiElimina
  4. tutto questo serve a non dimenticare...perchè solo fin quando avremo memoria potremo sperare che tutto questo non accada mai più

    RispondiElimina
  5. Cara Minervabianca,
    se penso che qualcuno OSA scherzare su questa tragedia e OSA negarne l'esistenza mi prende una rabbia...una rabbia e un dolore che mi impediscono di respirare, di ragionare da essere umano e desiderare solo che tutti i colpevoli provino per "l'eternità" le enormi sofferenze, il terrore e il grande senso di annientamento che hanno causato alle loro vittime.
    MAI DIMENTICARE !!!
    Un abbraccio dal cuore per te!

    RispondiElimina
  6. Ciao cara pasticcino...è proprio come dici tu..purtroppo molti di quegli esseri immondi sono morti suicidi sfuggendo alla giusta pena...e quelli condannati durante il processo di Norimberga sono stati impiccati:decisamente una sofferenza troppo fugace; io li avrei tenuti rinchiusi in una cella di 1 metro quadro per il resto dei loro giorni senza la possibilità di togliersi la vita...a desiderare che la morte li prendesse.
    un bacio grande

    Ps:pardon lo sfogo ma qnd si parla di queste cose perdo il lume della ragione

    RispondiElimina
  7. ognuno di noi dovrebbe tenere a mente almeno un episodio e narrarlo ad ogni occasione
    grazie, marina

    RispondiElimina
  8. Grazie per avermi linkato nel tuo blog, anche io ti ho linkato nella lista dei blog e siti amici del mio blog...

    [Re]write di Giovanni Greco
    http://www.giovannigreco.eu

    RispondiElimina
  9. Non avevo mai letto questo documento. E' un orrore che si rinnova continuamente, a ogni documento, a ogni testimonianza. Non si deve dimenticare mai, sperando che non l'umanita' ricordi sempre i crimini orrendi di cui e' stata capace di macchiarsi.

    PS. Grazie di essere passata da me, mi fa molto piacere. Ti linko anche io.

    RispondiElimina
  10. E' stato un orrore quasi senza fine. Un qualcosa che ci lascia attoniti e senza parole. e purtroppo genocidi si ripetono anche oggi. E purtroppo anche oggi c'é chi cerca di negarli. Ecco perché ricordare é importante.

    RispondiElimina
  11. @giovanni è un piacere averti qui
    @vittoria: anche io non ne avevo mai sentito parlare di questi bambini anche se immaginavo fossero accadute cose del genere.ricordare è l'unico modo per far si che non accada più.
    grazie per esser passata.un abbraccio
    @daniele:fa male, troppo male...ma ricordare è un dovere; dovremmo però adoperarci perchè le stragi quotidiane a cui assistiamo non si ripetano più

    RispondiElimina